Strumenti di accessibilità

Cartella Bando e documentazione

Il Complemento Regionale per lo Sviluppo Rurale 2023-2027 della Regione Sardegna, individua gli obiettivi strategici di sviluppo sostenibile dei territori rurali in linea con le priorità della Politica Agricola Comune e del FEASR. Questi obiettivi includono:

  1. Sviluppo Economico: Stimolare l'attività economica nelle zone rurali, sostenendo l'agricoltura, le imprese agricole e le filiere agroalimentari locali. Questo può avvenire attraverso l'investimento in infrastrutture, la promozione di tecnologie agricole sostenibili e il sostegno all'innovazione.

  2. Conservazione Ambientale: Promuovere la tutela e la gestione sostenibile delle risorse naturali nelle aree rurali, compresa la conservazione della biodiversità, la gestione dei paesaggi rurali e la promozione di pratiche agricole rispettose dell'ambiente.

  3. Crescita delle Comunità rurali: Favorire la crescita e la vitalità delle comunità rurali attraverso il supporto all'accesso ai servizi di base, l'istruzione, la sanità e lo sviluppo delle infrastrutture sociali.

  4. Inclusione Sociale: Promuovere l'uguaglianza di opportunità nelle aree rurali, riducendo le disuguaglianze sociali e favorendo l'inclusione di gruppi svantaggiati, come giovani e donne, nell'attività economica e sociale.

  5. Innovazione e Competitività: Favorire l'innovazione e la competitività delle imprese rurali attraverso la promozione di nuove tecnologie, l'accesso al credito e il sostegno all'imprenditoria rurale.

  6. Sostenibilità: Integrare criteri di sostenibilità ambientale, economica e sociale in tutte le attività e gli investimenti rurali, contribuendo così a uno sviluppo equilibrato e duraturo delle aree rurali.

Questi obiettivi mirano a sostenere la crescita economica e la qualità della vita nelle aree rurali della Sardegna, promuovendo al contempo la conservazione dell'ambiente e la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale della Regione.

L'avviso per la selezione delle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo che assegnerà le risorse ai Gruppi di Azione Locale per la programmazione 2023-2027, con riferimento all'intervento SRG06 (Attuazione delle strategie di sviluppo locale), prevede una dotazione finanziaria complessiva di 50.000.000,00 euro, di cui 25.250.000,00 euro provenienti dal FEASR. da suddividere tra i vari GAL. Ad ogni GAL ammissibile viene assegnata una quota minima di risorse pubbliche pari a 2.500.000,00 euro. Le risorse residue vengono poi ripartite tra i GAL che hanno ottenuto almeno 80 punti nella valutazione della SSL.

Gli ambiti tematici di riferimento, su cui sarà possibile lavorare sono i seguenti:

- Sistemi locali del cibo, distretti, filiere agricole e agroalimentari

- Servizi, beni, spazi collettivi e inclusivi

- Sistemi di offerta socioculturali e turistico-ricreativi locali

- Sistemi produttivi locali artigianali e manifatturieri

Sulla base dei fabbisogni del territorio il Gal può selezionare due ambiti tematici.  

L'avviso prevede la realizzazione di diverse tipologie di operazioni. In particolare, le operazioni sono suddivise in operazioni ordinarie, operazioni specifiche e di cooperazione.

Le operazioni ordinarie possono includere, ad esempio, investimenti nelle aziende agricole per la diversificazione in attività non agricole, trasformazione di prodotti agricoli prevalentemente in prodotti non compresi nell'Allegato I del TFUE e loro lavorazione e commercializzazione in punti vendita aziendali, start-up non agricole, e così via.

Le operazioni specifiche sono quelle che danno vita a nuovi servizi, nuovi prodotti, nuovi modi di operare, in ambito sociale e produttivo. Il carattere innovativo dell'operazione deve essere "certificato" da un soggetto terzo (Università, enti di ricerca, agenzie regionali, ASL, Dirigenti scolastici, ecc.) che rilascia anche una relazione esplicativa, da allegare al Piano di Azione (PdA), sulle caratteristiche innovative dell'azione proposta rispetto al contesto locale. Esempi di operazioni specifiche possono includere, ad esempio, la creazione di nuovi prodotti agroalimentari, la promozione di attività turistiche innovative, la realizzazione di progetti di economia circolare, e così via.

Le operazioni di cooperazione sono interventi destinati a favorire la costruzione di partenariati e relazioni fra territori, migliorare il potenziale progettuale e relazionale dei Gruppi di Azione Locale (GAL), valorizzare lo scambio di esperienze tra attori pubblici e privati dei territori e favorire la realizzazione congiunta di azioni concrete di sviluppo locale e di promozione dei territori rurali. I progetti di cooperazione possono essere attuati all'interno dello Stato membro (cooperazione interterritoriale), oppure interessare territori di più Stati membri e di Paesi extra UE (cooperazione transnazionale). Per essere ammissibili, le operazioni di cooperazione devono prevedere il coinvolgimento di almeno due partner italiani, di cui almeno un GAL selezionato in ambito LEADER/CLLD (cooperazione interterritoriale), o di almeno due partner selezionati in Stati differenti, di cui almeno un GAL italiano selezionato in ambito LEADER 2023-2027 (cooperazione transnazionale).

Le risorse finanziarie disponibili, invece, per l'attuazione del presente Avviso a valere sul PR FSE+ 2021-2027 sono pari a € 29.150.000,00. La quota destinata a ciascun Gal è parametrata sulla popolazione residente espressa in "forze di lavoro" nei Comuni appartenenti ai Gal. Su questa base le risorse disponibili per il Gal Sinis sono pari a € 584.035,97.

Gli obiettivi specifici riferiti al FSE+ 2021-2027 sono i seguenti:

  1. Migliorare l'accesso all'occupazione e le misure di attivazione per tutte le persone in cerca di lavoro, in particolare i giovani, i disoccupati di lungo periodo e i gruppi svantaggiati nel mercato del lavoro, nonché delle persone inattive, anche mediante la promozione del lavoro autonomo e dell'economia sociale.

  2. Promuovere lo sviluppo sostenibile e integrato delle aree urbane e delle aree urbane funzionali.

  3. Concentrarsi sullo sviluppo sostenibile e integrato delle aree non urbane, tenendo conto anche dei collegamenti tra aree rurali e urbane.

 Le azioni che possono essere realizzate nell'ambito di questo Avviso includono: 

  1. Percorsi di formazione per l'acquisizione di qualifiche professionali nei settori strategici per la Regione, compresa quella legata ai temi dell'innovazione digitale e ecologica.

  2. Attività integrate, che comprendono percorsi formativi mirati, accompagnamento alla creazione di impresa, certificazione delle competenze e rafforzamento delle competenze degli operatori.

  3. Interventi integrati di formazione e politiche attive del lavoro.

  4. Azioni di innovazione sociale, purché parte di un'azione più complessa che ha come fine ultimo la formazione di competenze e l'inserimento lavorativo.

È importante sottolineare che le azioni devono essere realizzate esclusivamente nel territorio dei comuni del Partenariato pubblico strategico. Inoltre, è possibile che i GAL indichino, eventuali esigenze/idee/soluzioni relative ai settori dell'inclusione sociale e istruzione, con un'attenzione esplicita per i gruppi emarginati e socialmente esclusi nelle comunità locali.

 

Documenti

default ALLEGATO 1 Disposizioni Specifiche FEASR

30 download

default ALLEGATO 2 Disposizioni Specifiche FSE+

29 download

default AVVISO Selezione Strategie CLLD

34 download

default Modulistica

30 download